Condividiamo
le nostre idee?

Condividere conviene a tutti

“Nessun uomo è un’isola, completo in se stesso; ogni uomo è un pezzo del continente, una parte del tutto”, scriveva Hemingway.
Non solo nella nostra vita privata. Anche al lavoro e nella nostra dimensione professionale abbiamo bisogno di condividere, di scambiarci idee, di confrontarci, di ricevere e dare consigli e supporto.

Giornale stampato

Sei interessato a conoscere le mie novità? Desideri ricevere i miei aggiornamenti in merito ai progetti che seguo, alle attività di consulenza svolte o ai corsi che posso proporre? Cerchi nuove idee o spunti per i corsi che stai progettando? Ti interessa partecipare ai miei webinar gratuiti? Vuoi sapere come ho potuto essere di supporto ad altre organizzazioni nell’azione di accompagnamento al cambiamento?
Iscrivi alla mia newsletter! Con discrezione, nel rispetto della normativa sulla privacy (GDPR) e soprattutto nel rispetto della tua persona, dei tuoi interessi, del tuo tempo e del tuo lavoro, ti manderò le nostre news tramite email.
Potrai disiscriverti in un qualunque istante, oppure potrai decidere di continuare a seguirci e, volendo, potrai anche tu condividere con me le tue idee, i tuoi progetti, i tuoi traguardi o le tue necessità.

Secondo la teoria dei giochi, in uno scenario di negoziazione chi vuole portare a casa qualcosa per sé deve offrire anche agli altri la possibilità di guadagnare qualcosa. Come dice John Nash, Nobel per l’economia nel 1994, la teoria di Adam Smith del “self-interest” va rivista. (Si ricorderà il famoso passaggio in cui Smith affermava che “Non è certo dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio che ci aspettiamo il nostro pranzo, ma dal fatto che essi hanno cura del proprio interesse”).

Nash, con le sue “Dinamiche dominati” (tutti ricorderanno il celebre film del 2001 “A Beautiful Mind” con Russell Crowe nei panni del Premio Nobel), propone invece qualcosa di molto diverso, arrivando ad affermare: “Se tutti ci proviamo con la bionda, ci blocchiamo a vicenda e alla fine nessuno se la prende. Allora ci proviamo con le sue amiche e tutte loro ci voltano le spalle perché a nessuno piace essere un ripiego. Ma se invece nessuno ci prova con la bionda, non ci ostacoliamo a vicenda e non offendiamo le altre ragazze. E’ l’unico modo per vincere”