Corso - Mobile Worker e processi aziendali smart

L'ufficio mobile e il telelavoro, la delocalizzazione dei processi, il cloud e il lavoro collaborativo. Come passare dall'atomo al bit.

Essere nelle condizioni di poter lavorare ovunque, semplicemente grazie ad un pc o ad uno smartphone connesso ad internet (o addirittura senza connettività): al mattino in ufficio, il pomeriggio gentilmente ospitati sulla scrivania di un qualche collaboratore o – in casi estremi – addirittura nell’automobile parcheggiata, in attesa di incontrare il prossimo cliente. Poter accedere alle proprie informazioni aziendali attraverso smartphone e tablet. Comunicare con clienti e collaboratori via email e telefonia voip. Insomma, passare dall’atomo (carta) al bit (file), grazie all’uso della firma digitale, delle marche temporali e della posta elettronica certificata, dematerializzando così ogni processo ed ogni documento. Non mi sto riferendo solo alle pratiche di telelavoro, bensì più in generale al “lavoro mobile”, al “lavoro digitale”, al “lavoro collaborativo” che consente di condividere i file (anzi... interi flussi di processi) con più persone simultaneamente, modificandoli anche in contemporanea.

Le nuove tecnologie dell’informazione e il diffondersi di servizi in ambiente cloud fanno sì che oggi sia possibile lavorare da remoto proprio come se ci si trovasse davanti alla propria scrivania, potendo persino accedere a tutta la documentazione di cui si dispone in ufficio. Si tratta di interessanti innovazioni in ambito professionale che rendono possibile, attraverso l’utilizzo delle reti telematiche e degli strumenti informatici, la delocalizzazione delle attività produttive, così come lo sviluppo di occupazione ad alto valore aggiunto anche in aree periferiche e/o montane. Ma soprattutto sono innovazioni che accrescono la competitività dei singoli cittadini e permettono di abbattere i vincoli geografici e di mobilità.

Senza contare gli enormi vantaggi che si possono avere evitando inutili spostamenti e pertanto a sostegno della mobilità sostenibile, oppure in termini di inserimento lavorativo per persone diversamente abili.

METODOLOGIA DIDATTICA


Il corso prevede sia la continua alternanza tra momenti di presentazione tecnica da parte del docente di alcune tematiche o di alcuni strumenti e la successiva dimostrazione pratica di quanto appena presentato, sia la proposta di attività di laboratorio concreto. E’ infatti indispensabile che alla fine di ogni singola lezione i partecipanti abbiano acquisito (capito, ma anche metabolizzato) conoscenze e competenze immediatamente spendibili all’interno della propria realtà.
Per questo motivo ai corsisti viene proposto e suggerito di partecipare dotati del proprio computer portatile oppure di un tablet, qualora non vi fosse la possibilità di sedersi davanti ad una scrivania con un pc.

elementi caratterizzanti

Destinatari

Cittadini e lavoratori, ma anche imprenditori e liberi professionisti: al giorno d'oggi siamo tutti (almeno un po') smart-worker o mobile-worker.

contenuti

La necessità di condividere informazioni in digitale con le persone con cui lavoriamo.
Cloud computing e sistemi di sincronizzazione.
Cloud computing e sistemi di archiviazione.
Cloud computing e applicativi web.
Poteri di lettura e poteri di scrittura: chi può solo visualizzare, chi può commentare, chi può modificare o rimuovere.
Condividere e gestire in digitale files, rubriche ed agende.
Un passo in più nella condivisione: la gestione digitale del processo.
Sicurezza e privacy: proteggere e custodire i dati e le informazioni.
Smart worker e smart working.
La giostene "lean" dei lavoro.
Abbattimento dei costi e miglioramento della qualità.
Monitoraggio e controllo.

durata

Questo modulo formativo può essere proposto e venduto autonomamente, oppure inserito all’interno di un più ampio e strutturato percorso didattico. Da qui la possibilità di trattare questi argomenti e di trasmettere queste competenze sia in moduli formativi autonomi, singolarmente fruibili, sia all’interno di corsi di formazione più strutturati, che contemplano anche altri argomenti. Si tratta di temi e competenze che possono essere affrontati in modo più o meno approfondito, anche in funzione del numero di ore o giornate che possono essere dedicate a simili aspetti.

il corso raccontato per immagini

1/1
ContaTTI
  • whatsapp_stefano_poletti
  • LinkedIn - Black Circle
  • Facebook
  • Twitter
  • Instagram

Via del Mercato 35 - 38089 Storo (TN) 

​​Mob: 339.1073483 - Tel: 0465.297167 - Fax: 0465.297168

​info@stefanopoletti.it

  • CHANGE MANAGEMENT

  • CONSULENZA, SUPPORTO, FORMAZIONE

  • COMUNICAZIONE DIGITALE

  • GESTIONE LEAN DEI PROCESSI

  • AZIENDA SMART